Home » Le Interviste della Signora in Giallorosso » Bruno Pizzul: “La Roma è un bene di tutti”

Bruno Pizzul: “La Roma è un bene di tutti”

Bruno Pizzul, storica “voce” della Rai, è intervenuto alla trasmissione radiofonica della Signora in Giallorosso:

La Roma nel cuore. “Se è vero che sono simpatizzante della Roma? Si, perchè le atmosfere che si vivono nella Capitale, quando il calcio si esprime, sono del tutto particolari. La Roma rappresenta una delle forze calcistiche che tenta di interrompere l’egemonia, a volte fastidiosa, delle squadre del Nord. Se ci riuscisse sarebbe un bene per tutto lo sport. Calciopoli? Sono rimasto amareggiato anche se devo dire che contaminazioni di quel tipo lì sono sempre in agguato, non bisogna abbassare la guardia“.

Abbassare il volume.Ho vissuto diversi Mondiali. Posso dire che come spettatore, dal di fuori, si ha la possibilità di comprendere l’evento nella sua interezza. Se sei impegnato come giornalista, vedi solo la partita, il resto ti sfugge. Gli ultimi Mondiali di Germania, che ho raccontato solo in parte, li ho vissuti diversamente. Adesso la tv celebra se stessa e non l’evento che racconta. Una volta bisognava alzare il volume per “leggere” la partita: oggi, con le tecnologie a disposizione si può anche abbassarlo. Un aggettivo per il calcio di oggi? Sovradimensionato“.

Mourinho. “Gli sfoghi dello Special One? Lui è un grande affabulatore, un provocatore noto, che ha costantemente bisogno del conforto dei risultati: viceversa il suo personaggio potrebbe ricevere dei contraccolpi. Per lui sarà fondamentale, adesso, la riuscita in Champions“.

Germania 2006. “Mi sarebbe piaciuto raccontare il successo azzurro. L’avvicendamento, però, anche per un discorso anagrafico, era logico“.

L’intervento di Pizzul si è concluso sulla lettura di un messaggio, inviato da un ascoltatore della Signora in Giallorosso, che ha commosso il giornalista: “Pizzul ha accarezzato la lingua italiana e le nostre emozioni come Rivera, Pelè e Falcao il pallone. Grazie“. Di cuore.