Home » La Trasmissione » Le PILLOLE de La Signora in Giallorosso – Torri: “Ieri è stata una vittoria fondamentale, adesso torna Gervinho. Io credo che sarebbe dovuto tornare prima, visto che sono 50 giorni che è lontano da Trigoria…”. Cancellieri: “Io parlo da professionista e non da romanista, ieri Verde ha dimostrato ottime qualità sia sotto il profilo caratteriale, sia dal punto di vista fisico”. Ruggeri: “Io non sono d’accordo sull’esaltare troppo i giovani per una buona prestazione”. Manfridi: “Come dice Giubilo tutto si può chiedere ad un giovane tranne che la continuità”

Le PILLOLE de La Signora in Giallorosso – Torri: “Ieri è stata una vittoria fondamentale, adesso torna Gervinho. Io credo che sarebbe dovuto tornare prima, visto che sono 50 giorni che è lontano da Trigoria…”. Cancellieri: “Io parlo da professionista e non da romanista, ieri Verde ha dimostrato ottime qualità sia sotto il profilo caratteriale, sia dal punto di vista fisico”. Ruggeri: “Io non sono d’accordo sull’esaltare troppo i giovani per una buona prestazione”. Manfridi: “Come dice Giubilo tutto si può chiedere ad un giovane tranne che la continuità”

2015-01-27_193107

Nuovo appuntamento con la rubrica de Le Pillole de “La Signora in Giallorosso“, puntata di lunedì 09 febbraio 2015, in onda alle 23 su T9 (canale 13 del digitale terrestre) e in streaming qui. Piero Torri (Giornalista), Gianfranco Giubilo (Il Tempo), Massimiliano Rossi (Consulente Marketing Sportivo), Alessandro Austini (Il Tempo), Carlo Cancellieri (Allenatore) e Giuseppe Manfridi (Autore), sono gli ospiti di Massimo Ruggeri presenti in studio.

La trasmissione si apre sulla vittoria della Roma a Cagliari. Torri: “Ieri è stata una vittoria fondamentale, adesso torna Gervinho. Io credo che sarebbe dovuto tornare prima, visto che sono 50 giorni che è lontano da Trigoria…“. Cancellieri: “Io parlo da professionista e non da romanista, ieri Verde ha dimostrato ottime qualità sia sotto il profilo caratteriale, sia dal punto di vista fisico“. Ruggeri: “Io non sono d’accordo sull’esaltare troppo i giovani per una buona prestazione“. Manfridi: “Come dice Giubilo tutto si può chiedere ad un giovane tranne che la continuità… Secondo me dobbiamo ridimensinarci un po’ perchè la Roma ci ha abituato troppo bene nell’ultimo anno“.

Sul campionato. Austini: “La Roma nonostante il peggioramento ha un punto di distanza in meno con la Juventus rispetto all’anno scorso“. Cancellieri: “La Roma subisce troppo“. Manfridi: “Mancano giocatori di corsa alla Roma quest’anno. Maicon ha ridotto la spinta, Gervinho anche quando non riusciva a creare strappi comunque spaventava l’avversario“. Torri: “Alla Roma è mancata la fisicità e la personalità di Strootman, Castan e anche Benatia“.

 Sulla difesa. Austini: “E’ovvio che la coppia Benatia-Castan è più forte, ma a me Manolas piace tantissimo ed è anche più giovane di Benatia. L’anno scorso poi comunque Benatia si è infortunato e la Roma non prendeva comunque gol“.

Su Totti. Torri: “Secondo me Francesco da adesso a fine stagione giocherà poche partite, magari in Coppa“. Cancellieri: “E’ vero che ci sono tanti attaccanti ora, ma tutti questo a Totti gli allacciano gli scarpini“. Torri: “Noi a Roma siamo degli inguaribili romantici e io voglio continuare ad esserlo, ma guarda la Juve che ha fatto con Del Piero. Poi io Totti vorrei vederlo giocare fino a 85 anni“. Ruggeri: “Del Piero per la Juve è stata un’icona, ma non quanto Totti a Roma“. Austini: “La grande colpa della società precedente è stata quella di non aver mai affiancato a Totti campioni alla sua altezza, quella ha bruciato altri attaccanti è una favola…“.