Home » La Trasmissione » Le PILLOLE de La Signora in Giallorosso – Torri: “Destro è capitato alla Roma nel momento sbagliato”. Austini: “Mi sorprende molto che la Roma prenda Doumbia a titolo definitivo”. Torri: “Nello staff medico della Roma troppi casi atipici”

Le PILLOLE de La Signora in Giallorosso – Torri: “Destro è capitato alla Roma nel momento sbagliato”. Austini: “Mi sorprende molto che la Roma prenda Doumbia a titolo definitivo”. Torri: “Nello staff medico della Roma troppi casi atipici”

2015-01-27_193433

Nuovo appuntamento con la rubrica de Le Pillole de “La Signora in Giallorosso“, puntata di venerdì 30 gennaio 2015, in onda alle 23 su T9 (canale 13 del digitale terrestre) e in streaming qui. Piero Torri (Giornalista), Massimiliano Rossi (Consulente Marketing Sportivo), Gabriele Nobile (Editore InsideRoma) e Filippo Biafora (Redazione) sono gli ospiti di Massimo Ruggeri presenti in studio.

 

Torri: “Il giocatore aveva chiesto di essere ceduto, la Roma ha fatto bene. Destro è capitato alla Roma nel momento sbagliato. Io l’ho  difeso fino a pochi mesi fa, ma gli ultimi comportamenti mi hanno indispettito”

Nobile: “Garcia forse parlando di un “centravanti più forte” potrebbe aver voluto mettere pressione alla società. Sabatini per il post Destro aveva in mente di chiudere una trattativa tra i 7 ed i 14 milioni di euro”

Biafora: “Il costro di Doumbia va messo subito a bilancio”

Nobile: “A parte Gervinho, quale giocatore ha condiviso Garcia con Sabatini?”

Austini: “Al momento i contratti sono per un trasferimento a titolo definitivo, questo mi sorprende molto e questo significa due cose: o siamo di fronte ad un grande bluff, oppure che la Roma è alla disperata ricerca di un attaccante e si è ridotta all’ultima per comprarlo e deve stare alle condizioni di chi vende. Due giorni fa la Roma stava trattando Luiz Adriano”

 

Torri: “La notizia di Strootman è la peggiore che possa arrivare per la Roma”

Rossi: “Non è che magari qualche dubbio Strootman lo avvertiva?”

Torri: “Nello staff medico della Roma troppi casi atipici”