Home » Dichiarazioni » Le PILLOLE de La Signora in Giallorosso – Austini: “Se la Roma vince a Milano diventa la favorita per il quarto posto”. Stagliano: “Totti non è ancora pronto per un ruolo di vertice. Punterei tutto su Ricky Massara”. Moresco: “Non credo giocherà Nzonzi, El Shaarawy è in dubbio”..

Le PILLOLE de La Signora in Giallorosso – Austini: “Se la Roma vince a Milano diventa la favorita per il quarto posto”. Stagliano: “Totti non è ancora pronto per un ruolo di vertice. Punterei tutto su Ricky Massara”. Moresco: “Non credo giocherà Nzonzi, El Shaarawy è in dubbio”..

Nuovo appuntamento con la rubrica de Le Pillole de “La Signora in Giallorosso“, puntata di lunedì 18 aprile 2019, in onda alle 23 su TeleRoma 56 (canale 15 del digitale terrestre).

In studio con Massimo Ruggeri: Alessandro Austini (Il Tempo), Mario Stagliano (avvocato), Massimiliano Rossi (consulente marketing sportivo), David Moresco (Pagine Romaniste), Gabriele Conflitti, Margherita Bellecca e Alice Dionisi

 

Austini: “Tutte le grandi squadre italiane hanno fatto peggio dello scorso anno. La Roma è l’unica che rispetta il fair play finanziario e dovrebbe essere quarta, il Milan non dovrebbe avere questa squadra”. Rossi: “Se in prospettiva si ragiona su un campionato europeo il fair play finanziario non avrà più senso”. Austini: “A Milano Kluivert partirà titolare”. Moresco: “Non credo giocherà Nzonzi, El Shaarawy ha avuto un problema ed è in bilico”. Stagliano: “Al Var mi fido solo di Irrati”. Rossi: “Ronaldo è un giocatore che va oltre le possibilità della Juventus”. Austini: “Avevo dei forti dubbi sull’acquisto di Ronaldo: credo che spendere 340 milioni su un bilancio di 450 è un passo molto più lungo della gamba che ha portato molto più svantaggi che vantaggi. Per la prima volta la Juve si è messa dentro casa un giocatore più importante della società stessa. Conte? Ultimamente ha scelto squadre che sono andate male. Le opzioni sono Inter, Roma e Bayern Monaco”.

Austini: “Tutte le squadre dovrebbero chiedere scusa alla Juventus perché il campionato italiano non è allenante. Totti? Gli dà fastidio che nella Roma le decisioni vengano prese a distanza da Baldini, ma non ha mai detto di volere più responsabilità. Credo che spesso si faccia l’errore di essere più smaniosi di lui”. Moresco: “Totti non ha un ruolo definito”. Stagliano: “Credo che il periodo di praticantato che ha fatto Totti non sia ancora sufficiente per ricoprire una posizione di vertice, gli spetta un ruolo tecnico ma non lo vedo ancora come responsabile del mercato”. Austini: “Non c’è alcuna correlazione tra essere forti sul campo e saper fare il dirigente. Massara è uscito rafforzato dalla riunione di Boston ma non è stato ancora deciso se sarà il prossimo direttore sportivo. Da quello che so Pallotta ha incontrato Campos, Petrachi e Mislintat. Il nome di Petrachi è legato a quello di Antonio Conte”. Rossi: “Ho paura che questa situazione si protragga troppo a lungo e metta la Roma in difficoltà”. Stagliano: “Punterei tutto su Ricky Massara”.

Austini: “Se l’Inter vince blinda il terzo posto. E’ il primo confronto da qualche anno a cui la Roma arriva da antagonista, ma se vince a San Siro diventa la favorita per il quarto posto”.  Rossi: “C’è un enorme scarto tra gli allenatori di prima fascia e quelli che vengono dopo come Giampaolo e Gasperini”. Moresco: “Spalletti ha ancora due anni di contratto con l’Inter. L’esonero sarebbe molto pesante per le casse nerazzurre”. Stagliano: “In quel momento la cessione di Salah a 50 milioni era vantaggiosa per la Roma”. Stagliano: “Spero recuperi El Shaarawy”. Rossi: “Ho qualche dubbio sulla titolarità di Zaniolo sabato sera, potrebbe esserci qualche sorpresa. Ranieri non farà mai il dirigente”.