Home » Dichiarazioni » Le PILLOLE de La Signora in Giallorosso – De Santis: “Intendiamo il calcio come poesia, ma spesso il calcio è più prosa che poesia”. Biafora: “La Juventus non trascina le altre, pensa molto a se stessa da questo punto di vista”. Austini: “Per la Roma è sempre una partita cruciale, dalla prima all’ultima”

Le PILLOLE de La Signora in Giallorosso – De Santis: “Intendiamo il calcio come poesia, ma spesso il calcio è più prosa che poesia”. Biafora: “La Juventus non trascina le altre, pensa molto a se stessa da questo punto di vista”. Austini: “Per la Roma è sempre una partita cruciale, dalla prima all’ultima”

Nuovo appuntamento con la rubrica de Le Pillole de “La Signora in Giallorosso“, Puntata di lunedì 11 febbraio 2019, in onda alle 23 su TeleRoma 56 (canale 15 del digitale terrestre).

In studio con Massimo Ruggeri: Piero Torri (Il Romanista-Tele Radio Stereo), Alessandro Austini (Il Tempo), Matteo De Santis (La Stampa), Giuseppe Manfridi (scrittore), Filippo Biafora (Pagine Romaniste), Gabriele Conflitti, Margherita Bellecca e Alice Dionisi.

Manfridi: “Domani è una partita cruciale”. Austini: “Per la Roma è sempre una partita cruciale, dalla prima all’ultima”. De Santis: “E’ la prima volta che arrivi a un grande scontro con il vento in poppa”. Manfridi: “Cruciale ma non come in campionato. La Champions ha una dimensione epica, alimentata dal ricordo dello scorso anno. Il nostro tesoro è la possibilità sentire la musichetta della Champions”. Austini: “Il Milan non fa una plusvalenza importante da due anni. E’ una situazione difficile da spiegare. Hanno liberato spazio economico con Higuain, questo è vero”. Torri: “Spalletti ha anticipato il suo esonero. Ha capito l’aria, con Conte che non a caso passa sotto la sede dell’Inter. La società secondo me è imbufalita. L’anno prossimo non sarà più l’allenatore dell’Inter secondo me”. Austini: “E’ presto per dire che Sarri rischi la panchina perché è ancora in corsa su tanti fronti”. Manfridi: “Per i due ragazzi che hanno mimato il gesto dell’areo in Inghilterra ho una reazione personale e non dal punto di vista legale. Qui si deve contrastare un modo di essere istintivo con l’uso della ragione”. De Santis“Il Southampton ha preso una decisione per primo. Non so in Italia quanti club avrebbero fatto una cosa del genere”.

Biafora: “Il bonus per il passaggio del turno sono 10.5 milioni di euro. A questi vanno aggiunti i soldi del botteghino dei quarti e si possono quantificare in circa 4 o 5 milioni. In totale si parla di una quindicina di milioni”. Austini: “Secondo gli inglesi Ramsey guadagnerà 24 milioni di euro lordi. Quanti soldi servono per stare dietro a queste realtà?”. Biafora: “La Juventus non trascina le altre, pensa molto a se stessa da questo punto di vista”. Austini: “Loro vogliono annullare tutto il resto. Non c’è competizione”. Torri: “C’è anche l’altra faccia della medaglia, quella delle cessioni di Mandragora, Audero e Sturaro”. Austini: “La Roma di quest’anno non dà nessuna certezza. Anche Roma-Bologna diventa una partita delicata. Se la Roma nelle prossime cinque partite ne fa 13 è matematicamente minimo quarta secondo me”. 

Austini: “Non credo che la Roma cambierà la situazione del calcio italiano. E’ bello quello che dice Pellegrini, che la Roma cerca di costruire piano piano. Milan e Inter cercano sempre di partire col botto”. De Santis: “Anche in altri campionati è così. Bundes, Ligue 1 e Liga sono simili da questo punto di vista. Ci sono state eccezioni però come Leicester, Monaco e Borussia. O succede qualcosa di irreale, come una straordinaria nidiata di giovani, oppure fai all-in”. Torri: “Sancho del Borussia Dortmund è impressionante”. Biafora. “E’ stato pagato poco perché lo hanno preso da giovanissimo dal City”. De Santis: “Intendiamo il calcio come poesia, ma spesso il calcio è più prosa che poesia”. Manfridi: “Io domani firmerei perché la Roma rimanga con la porta immacolata”. Torri: “Ho già preso il biglietto per la finale di Madrid”.