Home » Dichiarazioni » Le PILLOLE de La Signora in Giallorosso – Torri: “Questa squadra si scioglie anche e soprattutto nei suoi veterani”. Stagliano: “Io dal ’58 non ho mai visto un risultato del genere in Italia”. De Santis: “Di Francesco non è il solo colpevole, ma ieri un romanista fa un gesto concreto e presenta le dimissioni”

Le PILLOLE de La Signora in Giallorosso – Torri: “Questa squadra si scioglie anche e soprattutto nei suoi veterani”. Stagliano: “Io dal ’58 non ho mai visto un risultato del genere in Italia”. De Santis: “Di Francesco non è il solo colpevole, ma ieri un romanista fa un gesto concreto e presenta le dimissioni”

Nuovo appuntamento con la rubrica de Le Pillole de “La Signora in Giallorosso“, Puntata di giovedì 31 gennaio 2019, in onda alle 23 su TeleRoma 56 (canale 15 del digitale terrestre).

In studio con Massimo Ruggeri: Piero Torri (Il Romanista, Tele Radio Stereo), Alessandro Austini (Il Tempo), Giuseppe Manfridi (scrittore), Filippo Biafora (Pagine Romaniste), Matteo De Santis (La Stampa), Mario Stagliano (avvocato), David Moresco, Margherita Bellecca e Vanessa Ortiz.

Austini: “Un conto è prenderne 7 dallo United, un conto è prenderne 7 da Benassi e compagni”. Stagliano: “Quando ci si ritiene inadeguati ha il dovere di fare un passo indietro. Uno che dice ditemi cosa devo fare forse in questo momento è inadeguato”. De Santis: “Di Francesco non è il solo colpevole, ma ieri un romanista fa un gesto concreto e presenta le dimissioni. Poi la società può anche rifiutarle”. Stagliano: “Secondo me la dirigenza non sta facendo bene a confermarlo, è grave che abbia chiesto agli altri cosa dovesse fare”. Austini: “Non si può parlare di esonero senza soatituto”. Stagliano: “Ho difeso Di Francesco fino a sabato, dopo quella dichiarazione non più”. Austini: “Sousa per me non è la soluzione ma è una possibilità”. De Santis: “Puoi fare un contratto di sei mesi e poi rinnovarlo automaticamente in caso di qualificazione in Champions. Quello del sostituto è un alibi, ci deve essere un piano B”. Austini: “Un piano B c’è ma la Roma lo considera peggio dell’attuale Di Francesco”.

Torri: “I fatti dicono che effettivamente Di Francesco non è all’altezza. Ho una ferita che rimarrà sulla pelle di ogni tifoso romanista. Penso che eventualmente l’addio sarà doppio, di Di Francesco e di Monchi. Pensare di essere all’altezza della panchina della Roma è sbagliato. Credo che oggi lo spagnolo e Pallotta abbiano parlato. Neanche il miglior Pioli avrebbe preparato la partita come gliela ha preparata Di Francesco”. Austini: “Questa sconfitta è peggiore di quelle di Champions e pesante come quella dello scorso anno con il Torino”. Biafora: “Più simile a Roma-Slovan o Roma-Spezia, ma è un’umiliazione superiore”. Stagliano: “Io dal ’58 non ho mai visto un risultato del genere in Italia”. Torri: “Ieri che cosa abbiamo visto della Roma? Un allenatore in confusione e una squadra di sbandati. Dietro una dirigenza che non fa nulla. Mi auguro che abbiano ragione ma ne dubito. In quasi trenta partite ufficiali che cosa ha dimostrato la Roma?”. 

Torri: “Questa squadra si scioglie anche e soprattutto nei suoi veterani”. De Santis: “Il terzo gol di chiesa è imbarazzante. La cosa che mi ha fatto più paura è che la Roma non ha azzeccato una singola linea. Lavorando con lo stesso allenatore e la stessa difesa da un anno e mezzo è preoccupante”. Torri: “Puoi lasciare Fazio, Kolarov o Florenzi in uno contro uno? No e questo accade con qualsiasi modulo di gioco”. Stagliano: “Io a Zaniolo avrei dato almeno un tre rispetto allo zero degli altri. Più che su Pastore l’errore è stato a destra, dove dovevi mettere Florenzi alto e Santon o Karsdorp dietro”. Torri: “Secondo me la Roma pensava che ci fosse il ritorno”. De Santis: “Se si vanno a vedere i primi due gol si nota come la squadra è spaccata in due”. Biafora: “Florenzi al momento è forse al 50% della condizione fisica”.