Home » Dichiarazioni » Le PILLOLE de La Signora in Giallorosso – Manfridi: “La Roma, tranne che in pochi giocatori come Under, ha pochi giocatori con cambio di passo”. Austini: “L’anno scorso a questo punto della stagione eravamo a quindici infortuni muscolari con altri preparatori. Evidentemente non è solo un problema di preparazione”. De Santis: “La priorità a gennaio credo sia il centrocampista: si cerca un giocatore di sostanza ma con cambio di passo”

Le PILLOLE de La Signora in Giallorosso – Manfridi: “La Roma, tranne che in pochi giocatori come Under, ha pochi giocatori con cambio di passo”. Austini: “L’anno scorso a questo punto della stagione eravamo a quindici infortuni muscolari con altri preparatori. Evidentemente non è solo un problema di preparazione”. De Santis: “La priorità a gennaio credo sia il centrocampista: si cerca un giocatore di sostanza ma con cambio di passo”

Nuovo appuntamento con la rubrica de Le Pillole de “La Signora in Giallorosso“, puntata di giovedì 01 novembre 2018, in onda alle 23 su TeleRoma 56 (canale 15 del digitale terrestre).

In studio con Massimo Ruggeri: Filippo Biafora (Pagine Romaniste), Matteo De Santis (La Stampa), Alessandro Austini (Il Tempo), Giuseppe Manfridi (Scrittore), Gabriele Conflitti e Margherita Bellecca.

Manfridi: “Durante la partita con il Napoli il tempo sembrava non scorrere più”. Austini: “Fortunatamente stavolta l’infortunio di Pellegrini sembra gestibile in un paio di settimane. Certo si aggiunge al problema di Kolarov, la certezza in questo momento fa strano dirlo ma è Santon”. De Santis: “I punti ora iniziano a contare e le prime tre vanno distaccandosi. Monchi a gennaio vuole prendere un difensore entrale, un centrocampista e un esterno d’attacco. Per farlo serve però cedere, ma la priorità credo sia il centrocampista: si cerca un giocatore di sostanza ma con cambio di passo”. Biafora: “Di Francesco mi è sembrato tranquillo dopo Napoli, anche domani penso continuerà su questa falsa riga, non come a inizio ottobre in cui mi ricordava Spalletti per l’atteggiamento”. Austini: “La Roma ha due priorità: che tutti rispettino le regole, perché lei lo fa e altre lo aggirano, e lo stadio. Quindi si deve parlare di questi argomenti anche se sono noiosi e complicati”. Biafora: “Il problema è che la UEFA non interviene. Sono forti con i deboli e deboli come i forti, si vedano i casi di PSG e Manchester City”. Stagliano: “Abbiamo visto le indagini su Chievo e Cesena che sono finite in un certo modo. Ma 31 milioni per un ragazzo che fa panchina al Parma a qualcuno interessano? Perché non se ne parla?”.

Austini: “L’anno scorso a questo punto della stagione eravamo a quindici infortuni muscolari con altri preparatori. Evidentemente non è solo un problema di preparazione. C’è una forte componente casuale e sicuramente c’è anche una pressione mentale, che la squadra si porta dentro e cresce ogni anno e che influisce”. De Santis: “Anche se Malcom vuole andare via dal Barcellona non credo sia possibile che venga alla Roma ormai”. Austini: “Il Barcellona per togliersi lo sfizio ha preso un giocatore che non gli serviva”. Biafora: “Il Real Madrid è stato impressionante nella partita contro la Roma, poi il nulla”. Manfridi: “Kluivert mi sta antipatico, si è presentato qui come se fosse solo una tappa di passaggio la Roma. L’aver palesato questo fatto in una sessione di mercato così difficile per i tifosi non mi è piaciuto”. Moresco: “Penso che in realtà questi messaggi arrivino più da chi gli sta intorno, come ad esempio il padre”. De Santis: “L’acquisto di Kluivert è stato accolto molto positivamente, poi ha impattato bene con il calcio italiano e poi ha iniziato una fase peggiore: Abbiamo visto le sue qualità ma stiamo bruciando un po’ le tappe”. Austini: “Se Kluivert va al Barcellona è perché qui fa 30 gol in una stagione. I giocatori che la Roma ha venduto a grandi squadre li ha venduti solo in seguito a grandi stagioni. Si pensi ai vari Alisson, Benatia o Salah”. 

Manfridi: “Mi è piaciuto molto il gesto di Spalletti contro la Lazio”. De Santis: “Nelle ultime partite la Fiorentina è calata perché ogni tanto si fa talmente prendere dalla bellezza della sua fase offensiva che spesso si dimentica di segnare. Segna poco per quello che produce. Gerson mi sembrava aver ritrovato stimoli all’inizio, ora con alcuni rientri importanti come quello di Pjaca Pioli sta ruotando maggiormente i suoi”. Austini: “L’anno scorso Simeone ci segnò all’andata e al ritorno”. De Santis: “A Firenze pensano però che sia lui il problema di questa Fiorentina perché fa poche reti”. Manfridi: “La Roma, tranne che in pochi giocatori come Under, ha pochi giocatori con cambio di passo”. Austini. “Ha anche un modo di giocare un po’ noioso, col napoli si è vista la differenza di ritmo”. Biafora: “Manca proprio l’uomo che sappia saltare secco l’uomo”. De Santis: “La Roma si trova molto meglio con la palla tra i piedi che senza”. Stagliano: “Non ti bastano 80 milioni per Chiesa”. De Santis: “L’ultima richiesta della Fiorentina quest’estate è stata 70 milioni più El Shaarawy. Credo che quest’anno, dopo la tragedia Astori, credo che la società viola non volesse infliggere un altro duro colpo ai tifosi”.