Home » Dichiarazioni » Le PILLOLE de La Signora in Giallorosso – De Santis: “La Roma in questo momento è indietro dal punto di vista mentale”. Austini: “Questo non è un campionato, la Juventus vince da sette anni e ha preso anche Ronaldo”. Stagliano: “Se bisogna ricostruire una nazionale, bisogna affiancare giovani a persone d’esperienza”

Le PILLOLE de La Signora in Giallorosso – De Santis: “La Roma in questo momento è indietro dal punto di vista mentale”. Austini: “Questo non è un campionato, la Juventus vince da sette anni e ha preso anche Ronaldo”. Stagliano: “Se bisogna ricostruire una nazionale, bisogna affiancare giovani a persone d’esperienza”

Nuovo appuntamento con la rubrica de Le Pillole de “La Signora in Giallorosso“, puntata di giovedì 13 settembre 2018, in onda alle 23 su TeleRoma 56 (canale 15 del digitale terrestre).

In studio con Massimo Ruggeri: Matteo De Santis (La Stampa), Filippo Biafora (Pagine Romaniste), Mario Stagliano (Avvocato), Massimiliano Buzzanca (Attore), Alessandro Austini (Il Tempo) e Margherita Bellecca.

Austini: “Non so che Chievo affronterà la Roma dopo la penalizzazione dei gialloblu”. De Santis: “La Roma in questo momento è indietro dal punto di vista mentale”. Biafora: “E’ possibile che qualcuno nello spogliatoio abbia accusato le cessioni di tre big”. Austini: “Anche la Juve ha cambiato molto, ma vince da 7 anni e può fare come vuole”. Biafora: “Un conto è tenere le bandiere, un conto è il ricambio continuo dei pezzi importanti. Se si cambia lo si fa per migliorare”. Austini: “Non possiamo dire ora che la Roma ha sbagliato sul mercato”. De Santis: “La Roma ha fatto dei passi indietro, al punto che adesso sembra quella del peggiore periodo dello scorso anno”.

Buzzanca: “Contro il Chievo bisogna vincere e convincere”. Austini: “I punti delle prime giornate non contano tanto”. De Santis: “Domenica conta la vittoria, non come arriva”. Austini: “La Roma migliore dello scorso anno l’ho vista contro la Spal”. Biafora: “Cristante può fare bene, ma non mi sembra un giocatore che garantisca costanza di rendimento”. Buzzanca: “E’ una Roma meno forte rispetto all’anno scorso, più per le cessioni dei centrocampisti che per quella di Alisson”. Stagliano: “Condivido i motivi della cessione di Strootman”. Austini: “Questo non è un campionato, la Juventus vince da sette anni e ha preso anche Ronaldo”. De Santis: “Anche l’anno scorso dicevamo che la Roma aveva due giocatori per ruolo, poi non è stato esattamente così”.

De Santis: “Questi sono i giocatori e questa è la condizione dell’Italia in questo momento, niente di più”. Stagliano: “Se bisogna ricostruire una nazionale, bisogna affiancare giovani a persone d’esperienza”. Buzzanca: “Il 90% dei giocatori della nazionale sono giocatori da squadretta, non da livello europeo”. Austini: “Kluivert è un giocatore che può fare la differenza, almeno in campionato”. De Santis: “Con lo stadio la Roma può avvicinarsi alla Juventus ma non dal primo anno”. Austini: “La lotta per lo scudetto non dipende dalla Roma, ma la squadra ha l’obbligo di dover stare lì in caso la Juventus fallisse”.