Home » Dichiarazioni » Le PILLOLE de La Signora in Giallorosso – Nisii: “In questo momento la pausa è una benedizione”. Boniek: “Il più grande problema della Roma è che sta giocando senza un regista in mezzo al campo”. Austini: “La Roma ha i punti che si merita”

Le PILLOLE de La Signora in Giallorosso – Nisii: “In questo momento la pausa è una benedizione”. Boniek: “Il più grande problema della Roma è che sta giocando senza un regista in mezzo al campo”. Austini: “La Roma ha i punti che si merita”

Nuovo appuntamento con la rubrica de Le Pillole de “La Signora in Giallorosso“, puntata di lunedì 08 gennaio 2018, in onda alle 23 su TeleRoma 56 (canale 15 del digitale terrestre).

In studio con Massimo Ruggeri: Alessandro Austini (Il Tempo), Alessio Nardo (Teleradiostereo), Zibi Boniek (Presidente Federcalcio polacca), Federico Nisii (Teleradiostereo), Matteo De Santis (La Stampa), Filippo Biafora (Pagine Romaniste) Lavinia Colasanto e Margherita Bellecca.

Boniek: “Avrei fatto giocare Nainggolan”. Nisii: “In questo momento la pausa è una benedizione per la Roma”. De Santis: “Se i giocatori avessero rinunciato alle vacanze sarebbe stato un gesto populista”. Boniek: “Contro l’Atalanta la Roma ha fatto difficoltà a stoppare la palla, i calciatori erano nervosi. I risultati negativi ti portano ansia”. Nardo: “Kolarov è l’unico dei nuovi acquisti ad avere un minutaggio tra i più elevati”. Austini: “Tre nuovi acquisti non hanno praticamente mai giocato: Karsdorp, Defrel e Schick”. Nisii: “La Lazio gioca con una leggerezza mentale che la Roma non ha”. Austini: “Quest’anno arrivare secondi o quarti non cambia nulla” De Santis: “Arrivare quarti dopo un secondo posto sarebbe però un peggioramento”. Boniek: “Le squadre forti hanno bisogno delle grandi competizioni”. Nardo: “Un secondo posto giocandosi lo scudetto fino all’ultima giornata è diverso rispetto ad arrivare a venti punti della prima”. Boniek: “Il più grande problema della Roma è che sta giocando senza un regista in mezzo al campo”. Nisii: “L’errore di De Rossi sembra aver fatto precipitare i valori collettivi di tutta la squadra. Ruggeri: “Al di là della Juventus, la Roma aveva una striscia di partite favorevoli”. Austini: “Le parole di Monchi dopo Roma-Qarabag erano il segnale del momento che avrebbe attraversato la squadra”. 

Boniek: Le difficoltà di Dzeko derivano dal fatto che El Shaarawy e Perotti puntano l’uomo, Salah invece gli liberava spazio”. Austini: “La Roma è arrivata seconda anche con Salah e Pjanic…”. Boniek: “Schick ha qualcosa di speciale ma prima deve trovare una collocazione in campo”. Biafora: “Di Francesco e Monchi hanno detto che Schick non è un esterno”. Nisii: “Di Francesco è stato elogiato per la capacità di coinvolgere tutti”. Nardo: “In questo momento la Roma non ha un’ala destra pura”. Biafora: “Cambiare ora modulo farebbe perdere di più alla Roma”. Austini: “La Roma ha i punti che si merita”. Boniek: “Di Francesco è bravissimo. I leader della squadra devono creare un determinato clima dentro lo spogliatoio”. Nardo: “La Roma ha tanti calciatori di personalità”. Austini: “Ma qui i giocatori si adagiano”. De Santis: “La Roma di ora corre male, pressa poco e si affida alle individualità”. Nisii: “Il colpo definitivo è arrivato al quindicesimo del primo tempo”. Nardo: “La squadra continua a sbagliare i primi tempi”. Austini: “La Roma è scesa in campo col terrore di una partita difficile”. Nisii: “Sentire Di Francesco parlare di bella partita col Cagliari è preoccupante”. Ruggeri: “Bisogna capire perchè Monchi ha parlato di mancanza di mentalità vincente”.

De Santis: “Alisson piace a molte squadre”. Boniek: “Skorupski è bravo tanto quanto Alisson”. De Santis: “La vera rifondazione della Roma potrebbe arrivare in estate”. Biafora: “La Roma deve cedere entro il 30 giugno”. Nardo: “Una squadra che ha in mente un progetto non può ragionare con la mentalità delle cessioni”. Nisii: “Monchi è schifato da questi giocatori”. Boniek: “Al ds non piace l’aria intorno a Trigoria più che i giocatori”. Nardo: “Adesso non si può bruciare tutto perché si sono perse tre partite”. Austini: “Strootman sembra arrivato ad un punto cruciale della sua carriera”.