Home » Dichiarazioni » Le PILLOLE de La Signora in Giallorosso – Torri: “Monchi non deve parlare di cessioni, altrimenti anche gli altri giocatori si sentono di passaggio”. De Santis: “La Roma trattava la cessione di Emerson da metà novembre”

Le PILLOLE de La Signora in Giallorosso – Torri: “Monchi non deve parlare di cessioni, altrimenti anche gli altri giocatori si sentono di passaggio”. De Santis: “La Roma trattava la cessione di Emerson da metà novembre”

Nuovo appuntamento con la rubrica de Le Pillole de “La Signora in Giallorosso“, puntata di giovedì 25 gennaio 2018, in onda alle 23 su TeleRoma 56 (canale 15 del digitale terrestre).

In studio con Massimo Ruggeri: Massimiliano Buzzanca (Attore), Alessandro Austini (Il Tempo), Filippo Biafora (Pagine Romaniste), Piero Torri (Il Romanista – TRS), Matteo De Santis (La Stampa), Massimiliano Rossi (Consulente Marketing Sportivo), Lavinia Colasanto e Margherita Bellecca.

Austini: “Orsato è l’arbitro più bravo della Serie A ma è presuntuoso, avrebbe dovuto ascoltare il guardalinee”. Buzzanca: “Il movimento del braccio di Kolarov era congruo a quello del corpo”. Ruggeri: “Non ho mai visto un arbitro chiamare l’allenatore per far richiamare un suo giocatore”. Torri: “La cessione di Dzeko ha mille motivazioni, ma Monchi non può parlare di offerte ricevute, perché altrimenti anche gli altri giocatori della Roma si sentono di passaggio”. Biafora: “Dal mercato di gennaio della Roma non ci aspettavamo niente di che, la società ha sempre detto che avrebbe valutato le occasioni”. Austini: “Monchi si sta inventando qualcosa”. Biafora: “L’idea di Monchi è vendere Dzeko e prendere un esterno”. 

Rossi: “Anche negli anni in cui la Roma è arrivata in Champions ci sono poi state cessioni”. Rossi: “Mi sembra strano che anche a gennaio ci sia necessità di fare cassa”. Austini: “La necessità è entro il trenta giugno, le cessioni di gennaio sono considerate due occasioni”. Torri: “Monchi ha preso atto che questa squadra, costruita da Sabatini, ha la sconfitta nel suo Dna e vuole cambiarla”. De Santis: “I mandati a vendere di alcuni giocatori della Roma sono iniziati a metà novembre”. Torri: “Non comprendo la filosofia aziendale della Roma”. Austini: “La società segue la stessa strategia da anni, non ha cambiato nulla”. De Santis: “Quando Monchi diceva che i rinforzi erano Schick e Palmieri, stava già trattando con la Juventus per il brasiliano”. Torri: “Certe cessioni si potevano evitare con uno sponsor”.

Biafora: “Di Francesco si è quasi incartato su Dzeko nel post partita”. Austini: “Monchi parla da stratega, vuole far passare che comunque vada la trattativa non sarà in base alla decisione di Dzeko”. De Santis: “Di Francesco ha parlato da impiegato”. Torri: “Più passa il tempo più sono convinto che Dzeko non partirà”. Ruggeri: “Perché il Chelsea con la rosa corta andrebbe a prendere un giocatore che non può disputare la Champions?”. De Santis: “Il vero mistero della situazione è l’impiego di Emerson Palmieri. La trattativa sembra collegata a quella di Dzeko ma il bosniaco gioca e il brasiliano no”. Austini:“Kolarov anche a queste condizioni è imprescindibile per la Roma”. Torri: “Antonucci entra e fa quelle cose perché è decontaminato”.