Home » Dichiarazioni » Giù la maschera: "Crediamoci!". Ranieri si aggrappa a Toni. Vucinic, infiammazione e ansia

Giù la maschera: "Crediamoci!". Ranieri si aggrappa a Toni. Vucinic, infiammazione e ansia

Crediamoci“: il motto cambia, a Trigoria, dopo la caduta dell’Inter a Catania. Nel centro sportivo della Roma la scaramanzia va in soffitta. Il leitmotive adottato sin qui – “solo l’Inter può perdere lo scudetto” – d’un tratto si trasforma in interrogativo: “E se lo perdesse?“. A questo punto, “la partita di domani potrebbe essere l’inizio di un nuovo campionato. Abbiamo il dovere di provarci. Tireremo fuori tutto quello che abbiamo dentro“: la maschera di Claudio Ranieri si sgretola così, in conferenza stampa, alla vigilia di Livorno-Roma. “Crediamoci” è anche l’imperativo di Rosella Sensi, che stamani ha fatto visita al Fulvio Bernardini per caricare i suoi ragazzi: “So che siete un pò stanchi, ma bisogna insistere. Complimenti a tutti, siete stati bravissimi in questi mesi, continuate così!“, le parole della presidente.
Senza Vucinic. Prima la convocazione, poi la sorpresa. Mirko Vucinic è rimasto a Roma. L’attaccante non ha superato il test prima della partenza per Livorno e nel pomeriggio si è sottoposto agli accertamenti del caso presso il Policlinico Gemelli: il ginocchio dell’attaccante risulta infiammato. Un ginocchio che in passato ha creato non pochi problemi a Mirko: intervento al crociato, menisco e pulizia. Quanto basta per scatenare uno stato d’ansia in cui lo stesso Vucinic è caduto in queste ore.
Ai ripari. All’Armando Picchi, Ranieri dovrà inventare una nuova Roma. L’assenza del “Genio” ha cambiato di fatto le carte in tavola. E aperto il ballottaggio: Cerci, Menez o Baptista? Le caratteristiche dei primi due si sposano meglio con quelle di Toni. Se l’allenatore dovesse puntare sul 4-2-3-1, Jeremy partirebbe in vantaggio sui colloghi. In difesa, Burdisso e Juan continueranno a fare coppia, mentre Mexes resterà ancora a guardare. Su Pizarro e De Rossi si reggerà il centrocampo. Per le incursioni, il tecnico di Testaccio si affiderà a Perrotta e Taddei. La Roma tutta, poi, si aggrapperà a Toni.
Simone Di Segni

Probabili formazioni:
Livorno (4-4-2): Rubinho; Perticone, Rivas, Knezevic, Pieri; Filippini, Pulzetti, Moro, Bergvold; Bellucci, Lucarelli.
Roma (4-2-3-1): Julio Sergio; Cassetti, Burdisso, Juan, Riise; Pizarro, De Rossi; Taddei, Perrotta, Menez; Toni.