Cherubini: “Gli stadi di proprietà sono il pretesto per mascherare altre carenze”