Home » Conferenza Stampa » Conferenza stampa Ranieri: “Con la Samp partita fondamentale. Il contratto? Sono sereno”

Conferenza stampa Ranieri: “Con la Samp partita fondamentale. Il contratto? Sono sereno”

Le dichiarazioni in conferenza stampa di Claudio Ranieri prima di Sampdoria-Roma:

SULLA SAMPDORIA: Andiamo a Genova con la voglia di vincere la partita. Conquistare i tre punti sarebbe fondamentale perchè già veniamo da tre vittorie consecutive. Macheda? Se Fergusson ha creduto in lui penso che sia un giocatore importante. La partita dell’anno scorso? Peccato ci credevamo, ma ormai è andata così. Il fatto che alla Sampdoria manchi Cassano non è un vantaggio per noi, perchè tutta la squadra ora gioca più unita. Sono più gruppo e si mettono tutti a disposizione delle due punte”.

SU ADRIANO: Continua ad allenarsi e deve riprendere la forma sarà disponibile per Cesena”.

SUL CAMPIONATO: “Non è un problema della Roma la mancanza di concetrazione è un problema di tutto il campionato. E’ un campionato equlibrato. Noi sicuramente dobbiamo fare meglio e stiamo lavorando per questo”.

SULLA TRISTEZZA DI TOTTI: “Nel mio progetto Totti è al centro. Io non vedo la Roma senza di Totti. E’ un giocatore importante per noi. Poi altre cose dovete chiederle a lui”.

SU DE ROSSI: “Non sta ancora bene ha ancora la tosse parlerò con lui domani”.

SU VUCINIC: Mirko è un giocatore importante io credo in lui. Non si è lamentato perchè è andato in panchina qualche volta. Tutti vorrebbero giocare è normale. Sono stati fuori tutti anche Borriello. Questo è avere una rosa imporatnete. Posso scegliere di volta in volta il giocatore più in forma. Al momento stanno tutti bene. Totti non lo vedo sotto tono, quest’anno facendo gli scongiuri non si è mai infortunato.

SU PIZARRO: “Il ragazzo sta facendo un programma riabilitativo per la condrite. Bertelli è in Cile per far sì che quando torni sia quasi pronto per giocare”.

SULL’ORARIO DELLA PARTITA: “Abbiamo fatto lo stesso percorso di Parma. Non ci sono stati grandi cambiamenti”.

SUL CONTRATTO: “Io vado avanti con il mio lavoro cercando di portare la Roma alla pari delle altre grandi squadre. Se firmo o non firmo il contratto non intacca la mia serenità. Io indipendentemente dal contratto continuo a fare il mio lavoro”.

MERCATO: “Non è compito mio gestire il mercato. Io devo preoccuparmi di allenare la squadra. Ho fatto soltanto una richiesta a Pradè: quella di tenere Pettinari”.