Home » La Trasmissione » Le PILLOLE de La Signora In Giallorosso – Giubilo: “Slittamento derby? Io non lo trovo clamoroso”. Torri: “Non è rispetto per i tifosi che non potranno andare di lunedì”. Manfridi: “Io sono inorridito”. Austini: “Il calcio italiano è in mano ad una persona sola”

Le PILLOLE de La Signora In Giallorosso – Giubilo: “Slittamento derby? Io non lo trovo clamoroso”. Torri: “Non è rispetto per i tifosi che non potranno andare di lunedì”. Manfridi: “Io sono inorridito”. Austini: “Il calcio italiano è in mano ad una persona sola”

Austini_Stagliano_La_Signora_In_Giallorosso

Nuovo appuntamento con la rubrica de Le Pillole de “La Signora in Giallorosso“, puntata di lunedì 18 maggio 2015, in onda alle 23 su T9 (canale 13 del digitale terrestre) e in streaming qui. Piero Torri (Giornalista), Mario Stagliano (Avvocato), Gianfranco Giubilo (Il Tempo), Massimiliano Rossi (Consulente Marketing Sportivo), Giuseppe Manfridi (Autore e attore) e Alessandro Austini (Il Tempo) sono gli ospiti di Massimo Ruggeri presenti in studio.

La trasmissione si apre sullo slittamento del derby. Giubilo: “Io non la trovo così clamora questa decisione della Lega. Trovo che sia discutibile principalmente per coloro che hanno pagato il biglietto e non possono andare“. Torri: “Anche se il problema fosse solo quello dei biglietti sarebbe già gravissimo. Che rispetto c’è per chi lunedì lavora, ha comprato il biglietto e non potrà andare alla partita? I tifosi sono la cassaforte del calcio e vanno rispettati, anche alcuni laziali tra l’altro non potranno andare…“. Austini: “Da questa vicenda è emerso ancora una volta come una persona sola, prepotente e pregiudicata, possa decidere per tutti, perchè lo spostamento non andava bene a nessuno se non a Lotito. Il calcio italiano è in mano a lui“. Manfridi: “Io sono inorridito, ormai ci siamo dentro a questo sistema e ci stiamo anche abituando, accettando l’idea vignettistica di Lotito per non arrenderci a quella prepotente e arrogante“. Torri: “Il nostro pensiero si avvicina a quello di chi scriveva ‘libera la Lazio’, ma molti sono gli stessi che adesso sono contenti perchè schiavi del risultato“.