Home » NEWS » Le PILLOLE de La Signora in Giallorosso – Austini: “Roma-Manolas? Non sono vicini, c’è una trattativa con una distanza”. Stagliano: “Conti fu defraudato del Pallone d’Oro nel 1982”. Torri: “Mi sembra che le clausole della Roma sono fatte per vendere i giocatori e non per tenerli”. Buzzanca: “Non farei cambio mister, stiamo capendo il gioco della Roma”. Biafora: “Il problema vero del Napoli è Reina”

Le PILLOLE de La Signora in Giallorosso – Austini: “Roma-Manolas? Non sono vicini, c’è una trattativa con una distanza”. Stagliano: “Conti fu defraudato del Pallone d’Oro nel 1982”. Torri: “Mi sembra che le clausole della Roma sono fatte per vendere i giocatori e non per tenerli”. Buzzanca: “Non farei cambio mister, stiamo capendo il gioco della Roma”. Biafora: “Il problema vero del Napoli è Reina”

Nuovo appuntamento con la rubrica de Le Pillole de “La Signora in Giallorosso“, puntata di giovedì 12 ottobre 2017, in onda alle 23 su TeleRoma 56 (canale 15 del digitale terrestre).

In studio con Massimo Ruggeri: Filippo Biafora (Pagine Romaniste), Piero Torri (Il Romanista – Teleradiostereo), Alessandro Austini (Il Tempo), Mario Stagliano (Avvocato), Massimiliano Buzzanca (Attore),  Lavinia Colasanto e Margherita Bellecca.

Torri: “Credo che sia un fatto di una gravità senza precedenti non aver usato il VAR contro l’Inter, non mi toglierò mai questa amarezza. Se la Roma batte il Napoli potenzialmente è pari”. Stagliano: “Contro l’Inter in tribuna c’era Rosetti, fino a due giorni fa non ha parlato nessuno”. Buzzanca: “E’ più facile fare l’arbitro che l’attore”. Lavinia legge una grafica sul Pallone d’Oro con Dzeko candidato tra i 30. Torri: “Hassler il miglior romanista col piazzamento”. Stagliano: “Conti fu defraudato del Pallone d’Oro nel 1982”. Torri: “Dzeko arriva 29°”. Austini: “Bonucci non è tra i 30 migliori al mondo”. Torri: “Bonucci alla Roma fa la panchina”. Lavinia legge una notizia su Pagine Romaniste sul rinnovo di Manolas. Austini: “Roma-Manolas? Non sono vicini, c’è una trattativa con una distanza”. Randazzo: “Sono contenta del rinnovo di Manolas, è indispensabile”. Austini: “Se rinnova lo vendono e se non rinnova? Secondo me lo vendono a prescindere”. Torri: “Mi sembra che le clausole della Roma sono fatte per vendere i giocatori e non per tenerli”. Austini: “La clausola è uno strumento che dà al giocatore l’opportunità di scegliere una squadra, ma deve dare l’ok il giocatore”. Stagliano: “Se un ingaggio è basso, la clausola non può superare i 20-25 milioni”. Austini: “Il fatto che il Napoli non abbia fatto il mercato mi fa pensare che non vincerà lo scudetto”. Torri: “La Roma non ha fatto una rivoluzione, ha venduto 3 giocatori prendendone 8”. Lavinia legge una grafia sulle partnership sugli sponsor. Austini: “Sono normali accordi commerciali”. Torri: “Non so quanta liquidità”. Austini: “Per il main sponsor ci sono trattative”.

Torri: “Al momento sta giocando la Roma dell’anno scorso, questo mi rende ottimista”. Austini: “Schick ha avuto una lesione muscolare ma ore si sta allenando tutti i giorni in campo. Da Torino mi auguro che sia convocato”. Lavinia legge una grafica sugli infortuni muscolari della Roma. Stagliano: “Ci sono stati dei periodi dove alla Roma si infortunavano parti mai sentite”. Torri: “Il linguaggio sta cambiando”. Margherita chiede a Biafora su Insigne che non ha mai segnato alla Roma. Biafora: “Temo Callejon, il suo taglio è perfetto e Kolarov deve fare una grande partita difensiva”. Buzzanca: “Kolarov può riuscire a chiudere i tagli di Callejon”. Torri: “La chiave di lettura è dall’altra parte. Il Napoli a sinistra svolge il 70% delle azioni offensive”. Stagliano: “Perotti-Hysaj non è la chiave per la Roma? Dzeko-Koulibaly?”. Randazzo: “Io temo più Insigne, davanti alla posta difficilmente sbaglia”. Lavinia legge le parole di Perotti e Pellegrini su Pagine Romaniste. Austini: “Perotti magari dice che il Napoli è più forte della Juventus per rispetto, ma non sono d’accordo”. Austini: “Il pregio di Sarri è aver creato un sistema al limite della perfezione. Quello di Di Francesco è la concretezza”. Torri: “Intorno al pallone ci sono sempre 6-7 giocatori del Napoli e mi ricorda il Barcellona, in piccole proporzioni. Se io fossi Di Francesco farei vedere alla squadra il primo tempo di Lazio-Napoli”. Buzzanca: “Non farei cambio mister, stiamo capendo il gioco della Roma”. Austini: “Io farei il cambio, senza alcun dubbio, ma non cambierei la Roma con il Napoli. Ho un dubbio su Sarri a Roma: è molto permaloso”.

Margherita chiede a Torri se sarà più funzionale Florenzi o Under per sabato. Torri: “Florenzi è imprescindibile, deve assolutamente giocare con qualsiasi modulo la Roma vada in campo”. Lavinia legge un messaggio a Buzzanca su Mertens e Dzeko. Buzzanca: “Sono completamente diversi, è più forte Dzeko”. Stagliano: “Ha vinto col Wolfsburg, col City, che ha il record nelle Nazionali dell’est Europa”. Biafora: “Il problema vero del Napoli è Reina”. Austini: “Dzeko è bidimensionale, riesce ad essere centravanti ma diventa anche trequartista”. Torri: “Mertens è meno giocatore di Dzeko”. Lavinia legge una grafica sul ballottaggio tra Jesus e Fazio. Austini: “Vedo Manolas-Jesus per caratteristiche tecniche. poi Fazio è arrivato oggi dopo i 10 giorni più intensi della storia dell’Argentina”. Torri: “Per caratteristiche è più giusto Jesus”. Lavinia legge un messaggio sulle Nazionali. Stagliano: “A dicembre non si gioca, a giugno neanche. Una volta andare in Nazionale era un titolo d’onore”. Austini: “Bisogna creare una finestra di due mesi, facciamo finire i campionati ad aprile. Nel basket le Nazionali giocano tutte insieme quando ci sono le competizioni”. Torri: “Si può fare che in sudamerica si fanno due gironi da 5. Gibilterra perché gioca contro il Belgio?”. Lavinia legge l’arbitro di Roma-Napoli e successivamente la grafica sulle sfide tra Roma e Napoli dopo la sosta.