Home » Gli Atti del Magno Notaro » Gli ATTI del MAGNO NOTARO: “A Livorno facciamo sorridere i cugini! Mourinho merita zeru tituli!”

Gli ATTI del MAGNO NOTARO: “A Livorno facciamo sorridere i cugini! Mourinho merita zeru tituli!”

Luigi Pocaterra, il Magno Notaro di “Affari Tuoi“, commenta il momento della Roma per la Signora in Giallorosso:
Scudetto. “La Roma deve prefissarsi come obiettivo il terzo posto. Per lo scudetto vedo ancora favorite Inter e Milan. Troppo spesso abbiamo sperato invano: rimaniamo con i piedi per terra. La qualificazione in Champions sarebbe già un ottimo risultato e garantirebbe denaro utile per costruire una squadra competitiva in vista della prossima stagione“.
Livorno-Roma. “Domani ci aspetta una partita difficile. Dobbiamo scendere in campo con la consapevolezza di essere una grande squadra, trovando la forza per sfruttare i risultati degli altri. E’ il momento di tirare fuori gli attributi!“.
Un favore ai cugini. “Battiamo il Livorno e facciamo sorridere i nostri cugini laziali! Loro sono in sofferenza, cerchiamo di fargli questo favore: come si dice, fare del bene porta del bene!“.
Toni. “Mi aspetto grandi cose da Luca. Tanto più che da qualche giorno ha trovato continuità negli allenamenti. E’ un giocatore che permette di sfruttare anche i lanci lunghi, sa sfruttare il fisico e ha anche un discreto bagaglio tecnico. Quando Totti sarà a disposizione, non rinuncerei all’idea di vedere il Capitano dietro a Toni, con Vucinic largo a sinistra. Non perdiamo di vista il fatto che Francesco ha difficoltà a reggere i 90 minuti. La Roma, con quei tre, può vantare diverse soluzioni…“.
Zeru tituli. “Sarebbe giusto che Mourinho restasse con quel che merita; ovvero, zeru tituli! A Catania ho visto una squadra stanca, scarica, che ha dimostrato di soffrire l’assenza dell’allenatore sulla panchina. Poi non ho capito la sostituzione di Cambiasso con il “fabbro” Muntari. Avrei scommesso che avrebbe rimediato un giallo. Certo quella mano alzata, in occasione del rigore, non è comprensibile: che voleva significare? Una dimostrazione politica?!? Il rigore di Mascara, poi, è stato un Totti-copy dolcissimo…